ASSOCIAZIONE CULTURALE EMOZIONAMBIENTE
Sede legale:
VIA DELLA
RESISTENZA 36, 55045 PIETRASANTA (LU)
PI e CF
02116930468

Emozionambiente su Facebook

SFOGLIA LA NOSTRA FOTOGALLERY

WEB SITE ÜBERSETZUNG
 


Benvenuti

L’Associazione culturale ambientale "EMOZIONAMBIENTE", a partire dalla personale e peculiare formazione, esperienze professionali e amatoriali ed i contatti di ciascun socio fondatore, ha come scopo la diffusione della cultura ambientale e la valorizzazione e promozione delle radici sociali e storico-culturali del territorio della provincia di Lucca in parte non ancora 'scoperti', in tutti i suoi aspetti, attraverso la collaborazione attiva con le realtà locali.

Chi siamo

Morescalchi Tiffany:
guida ambientale escursionistica - operatrice ed imprenditrice turistica della ricettività (campeggio e bed and breakfast) – approfondita competenza linguistica (Inglese madrelingua, Tedesco) – maturità artistica da cui le competenze grafiche

Biagi Simonetta:
guida ambientale escursionistica - accompagnatrice e guida turistica della provincia di Lucca – Laurea in Lingue e Letterature Straniere (Tedesco e Inglese)

Del Frate Diego:
guida ambientale escursionistica – esperienze maturate nei settori dell'accoglienza turistica (Centro Visite Parco Migliarino San Rossore Massacciuccoli) e della ristorazione - organizzatore eventi enogastronomici – Laurea in Filosofia e corso formazione professionale in marketing turistico

Puccetti Bartolomeo:
guida ambientale escursionistica – esperienza docenza corso aggiornamento Gae

L'associazione

Soci fondatori:
Del Frate Diego, Morescalchi Tiffany, Biagi Simonetta, Puccetti Bartolomeo.

Tutti i soci sono in possesso della qualifica professionale di guida ambientale escursionistica (GAE), conseguita attraverso il corso di formazione professionale indetto dalla provincia di Lucca nell’anno 2006/2007.

Sede legale: Pietrasanta, via della Resistenza 36.

Dallo Statuto:

L’Associazione non ha fini di lucro (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) e si propone di perseguire gli scopi associativi attraverso attività culturali, ricreative e promozionali dell’Educazione Ambientale, quali:
- valorizzare le risorse ambientali e culturali dei singoli distretti e microdistretti del territorio, primi fra tutti Apuane meridionali ed entroterra collinare, Val Freddana, Val Pedogna
- creare una rete di accoglienza insieme agli operatori economici del territorio con mutui vantaggi (pacchetti turistici)
- l’organizzazione di visite guidate in ambienti naturali e antropizzati, di incontri, corsi, mostre e manifestazioni atti a favorire la diffusione dei principi suddetti
- la programmazione di escursioni e attività in sinergia con il calendario delle manifestazioni locali e provinciali
- la realizzazione di materiale grafico promozionale, la pubblicazione e commercializzazione di libri, riviste, giornali anche su supporti elettromagnetici ed informatici.

L’Associazione potrà:
- realizzare in collaborazione con gli Enti Pubblici e non un censimento dei beni ambientali naturali locali promuovendone la conservazione, la manutenzione e valorizzazione
- promuovere ed organizzare strutture ed iniziative per il reperimento dei mezzi finanziari da destinare agli scopi sociali, compreso la gestione temporanea e non di attività commerciali
- collaborare con enti pubblici e privati e associazioni aventi scopi analoghi
- affiliarsi ad enti e associazioni

Le attività ed iniziative dell’Associazione potranno essere rivolte agli associati ed ai non associati.

A chi ci rivolgiamo

Turismo italiano e straniero alloggiato presso piccola ricettività extra- alberghiera, gruppi organizzati, studenti stranieri.

Turismo alternativo e di nicchia: turismo enogastronomico, circoli acquisto solidale, associazioni culturali e sportive amatoriali, cicloturisti, turismo femminile, città/paesi gemellati.

Utenza locale: cittadini adulti residenti nella provincia di Lucca e fuori (in caso di finanziamento bando Infea o sponsorizzazioni di altro ente).

Studenti delle scuole elementari, medie e superiori dei comuni compresi nell'itinerario e limitrofi.

Contatti

Per ricevere informazioni dettagliate sul calendario o per partecipare alle nostre iniziative puoi scriverci al seguente indirizzo di posta elettronica: info@emozionambiente.it oppure contatta direttamente una delle nostre guide:
 

Tiffany
tel: 3391990425
email: barcanelbosco@yahoo.it

Simonetta
tel: 3294932189
email: citty@libero.it

Diego
tel: 3382639604
email: diegodelfrate@virgilio.it

Bartolomeo
tel: 3293618235
email: pbart74@gmail.com

Link



"LE VIE DEL TORDELLO"
itinerari di enogastronomia versiliese

Il "Tordello", categoricamente con la "d", è il piatto più tipico della Versilia, dalle pianure alle colline, dalla riviera ai monti del marmo. "Le vie del Tordello" vi condurranno, dopo facili passeggiate tra storia e natura, fino ai ristoranti selezionati dove il "Tordello" farà da portabandiera al saporito corteo dei prodotti e delle ricette della nostra terra.
Scopri il gusto di conoscere la Versilia!

Per informazioni e prenotazioni info@emozionambiente.it oppure 338/2639604 (Diego)

Le escursioni saranno tendenzialmente di scarso impegno fisico e si terranno i martedì e i mercoledì previo raggiungimento numero minimo di 5 adulti. Per gruppi di oltre 5 adulti sarà possibile concordare anche itinerari su misura. Si consiglia di prenotare 48 ore prima; i prezzi speciali si riferiscono al menù concordato col ristoratore (che è comunque "tutto compreso", vino, pane e coperto, caffè etc... ogni variazione sarà pagata a parte).

Benvenuti nel nostro sito
La nostra associazione organizza:
Gli itinerari hanno obiettivo conoscitivo, educativo ed esperienziale, dunque di facile accessiblità.
MAGGIO 2016

Sabato
7
PASSI E PERCORSI
Olivo millenario - Campo Romano

Piano del Quercione

Il giro di oggi ha come tema principale l'olivo e la sua storia. Dall'antica via Aemilia Scauri saliamo alla Fattoria di Campo Romano per osservare l'antico frantoio del settecento e proseguiamo, attraverso oliveti secolari e boschi di pini e querce, fino al suggestivo olivo millenario. Alla fine del giro, in mezzo alla stupenda cornice degli oliveti, la maestra Annalisa terrà il consueto corso di danze popolari: " La festa"
I balli sono presenti da sempre nei momenti di festa, fanno incontrare le persone, creano intrecci e scambi. Insieme formeremo catene, cerchi, schiere, spirali in quadriglie, manfrine, bourrée, gighe, in un''atmosfera gioiosa e scherzosa.

Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.200
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 3h
Cosa portare: scarpe con suola scolpita, zainetto, borraccia, giacca a vento, occhiali da sole, repellente insetti. Consigliata macchina fotografica
Costo del corso di danza: 10 euro
Punto di ritrovo: ore 16.30 località Piano del Quercione, parcheggio del cimitero
Rientro: ore 19.30 circa

Domenica
8
L'incredibile avventura del pallone del Matanna Alpi Apuane



Sono passati più di cento anni da quando sulle Alpi Apuane comparve il pallone aerostatico frenato “Rosetta”, pensato dai proprietari dell'albergo Alto Matanna, per portare, come diceva un famoso slogan dell'epoca, “dal mare alla montagna in meno di un'ora”. Oggi di quella avveniristica e sfortunata avventura si sono perse quasi le tracce... eppure qualcosa è rimasto. Questa bellissima escursione ci condurrà proprio in quei luoghi alla scoperta di un passato lontano ma ancora attuale, un passato in cui l'uomo era un pioniere in mezzo a una natura generosa.

Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Dislivello in salita e discesa: m.680
Tempo di cammino: 5h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Ritrovo: ore 8.45 parcheggio nella piazza di Casoli, frazione di Camaiore
Rientro: ore 16.00 circa

Domenica
15
Sapori e tradizioni
lungo l'acquedotto Nottolini

Lucca Guamo

Dalla stazione di Lucca seguiamo per circa 3,2 km le 460 arcate del suggestivo acquedotto che Maria Luisa di Borbone commissionò al regio architetto Lorenzo Nottolini nel 1822. Arrivati ad un caratteristico tempietto neoclassico, giriamo a destra e raggiungiamo la bellissima villa seicentesca Pierotti-Bagneschi.
La signora Dina ci aspetta per mostrarci la sapiente cultura della vite, dell'olivo e dei prodotti locali come il pomodoro canestrino di Lucca. Dopo aver visitato la villa, gli orti e la cantina non resta che...sincerarsi della bontà dei prodotti!

Prezzo: 12 euro a persona (escluso pranzo)
Minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.50
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarpe con suola scolpita, zainetto, borraccia, giacca a vento
Costo della degustazione + visita dell'azienda:
20 euro
Ritrovo: ore 8.45 stazione ferroviaria di Lucca - piazza Ricasoli
Rientro: ore 15.00 circa

Sabato
21
PASSI E PERCORSI
Lago di Massaciuccoli - terme romane

Massaciuccoli

L'area archeologico naturalistica di Massaciuccoli è tra le più interessanti della nostra zona. Visitiamo i camminamenti sul lago e l'eco museo dell'Oasi Lipu che riproduce splendidamente il mondo sotto la superficie dell'acqua. Saliamo poi attraverso l'oliveto all'area archeologica romana dove, dopo la visita, la maestra Annalisa terrà il corso di danze popolari: "La cura del corpo e dello spirito"
La danza che cura: balleremo sul ritmo travolgente della pizzica salentina, danza che manifesta ancora oggi il suo duplice aspetto ludico e terapeutico. Appartiene alla famiglia delle tarantelle dell'Italia meridionale e sue melodie sono documentate dal XVII° secolo, ma i suoi gesti ricordano raffigurazioni di epoca ben più antica. Tra gli strumenti che accompagnano questo ricco insieme di balli, tamburello e zampogne richiamano civiltà pastorali ma suonano ancora attuali ai nostri orecchi.



Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.50
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 3h
Cosa portare: scarpe con suola scolpita, zainetto, borraccia, giacca a vento, occhiali da sole, repellente insetti. Consigliata macchina fotografica
Costo del corso di danza: 10 euro
Punto di ritrovo: ore 16.30 porticciolo di Massaciuccoli
Rientro: ore 19.30 circa

Domenica
22
I segreti del bosco del Fato Nero Alpi Apuane

Se vi ritenete abbastanza coraggiosi e siete alla ricerca di emozioni forti, se per voi draghi e streghe, spiriti e folletti sono solo favole per bambini, se mostri e fantasmi vi fanno sorridere e sbadigliate davanti ad un film di Dario Argento o di Lucio Fulci, allora questa è l'escursione che fa per voi: dal paese di Arni saliamo alla scoperta del misterioso bosco del Fato Nero.
Questa antica e suggestiva faggeta è ricca di leggende, avrete la sensazione di essere seguiti ad ogni passo, fate e folletti vivono dentro i grandi tronchi degli alberi ed escono fuori solo di notte, il vento fra i rami rivela, a chi lo sa ascoltare, orribili misfatti accaduti qua dentro tanto tempo fa e anche premonizioni per il futuro, inoltre, un favoloso tesoro si cela da qualche parte nel bosco e può essere trovato dai coraggiosi che si avventurano di notte nella foresta, poiché solo i raggi della luna tra gli alberi indicano il punto dove scavare... 

Prezzo: 12 euro a persona (escluso pranzo)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Dislivello in salita e discesa: m.680
Tempo di cammino: 5h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Punto di ritrovo: ore 9.00 Arni, parcheggio sopra la chiesa
Rientro: ore 16.00 circa

Venerdì 27 maggio
a Giovedì 2 giugno
La Versilia com'è davvero
natura, cultura e storie che non trovi nei depliant
Versilia

Tre guide per tre paesaggi - i colli, le montagne ed il mare - che costituiscono il carattere della Versilia in panorami compositi.
Tre guide per altrettanti contenuti - storici, naturalistici e delle tradizioni locali - ognuno con un bagaglio differente che lo lega a questa terra, ognuno interprete dell'influenza e del fascino che questa porzione di Toscana trasmette loro.
Tre guide che si alterneranno su questo cammino, per accompagnare, raccontare, condividere le ricchezze umane, artistiche e naturali di una terra a volte generosa, a volte avara, ma da un carattere unico.

Ve 27: Pietrasanta 14m - S.Anna 650m - Capezzano Monte 350m 
Tempo: 4.30h Disl. 650m in salita 300m in discesa

Partiamo da Pietrasanta, trecentesco fulcro della Versilia storica dal tipico impianto a "cittànova" e, con breve tratto sulla Via Francigena, passata la millenaria Pieve, entriamo nella Valbuona.
Qui tutto racconta dell'operosità dell'uomo dal neolitico a Giosuè Carducci che vi nacque. Salendo tra opifici, oliveti e "selve" raggiungiamo Sant'Anna di Stazzema, dove il racconto è ben altro...
Per panoramica mulattiera torniamo a vedere il mare dal balcone de Le Foci e scendiamo su Capezzano Monte. Una giovane famiglia ci accoglie caldamente in casa propria.

Sa 28: Capezzano Monte 350m - Seravezza 50m - La Cappella 430m - Minazzana 500m
Tempo: 4.30h Disl. 550m in salita 400m in discesa

Scendiamo su Solaio tra vestigia longobarde, industriali dell'800 e comunisti duri e puri. Dalla Pieve di Vallecchia, attraversato il fiume Versilia, entriamo in Seravezza: porta di tre valli, è un paese che timidamente svela le grandi storie di cui è stato al centro e gli eclettici personaggi che conobbe. Tra scalpellini e preti, artisti, scienziati e generali, saliamo con ottima mulattiera a La Cappella e di qui, attraverso castagneti secolari, alla solatia Minazzana, minuscolo paesello, il nostro primo "castellare" preromano. Ci accoglie la foresteria della Pubblica Assistenza.

Do 29: Minazzana 500m - Basati 430m - Terrinca 520m - Levigliani 550m
Tempo: 4.30h Disl. 300m in salita 250m in discesa

Discreta come il passo mattutino dell'amante, la mulattiera ci porta a Basati da cui s'abbraccia l'intera Alta Versilia aldilà del selvaggio Canale del Giardino. Lo attraversiamo con spettacolare tracciato "in costa" incontrando incisioni rupestri e siti sciamanici dei Liguri Apuani ed arriviamo a Terrinca, antichissimo paese dalle singolari origini. Di qui in breve al paese di Levigliani, storico antesignano delle cooperative. Al Vallechiara la Piera ci tratterà come figlioli.

Lu 30: Levigliani 550m - Col di Favilla 955m - Mosceta 1180m
5h Disl. 5h Disl. 700M in salita 250m in discesa

Il definitivo ingresso nell'ambiente alpino avviene attraverso la «porta posteriore» del Passo Croce, uno spettacolare balcone sull'Alto Tirreno e sulle Apuane settentrionali. Da qui scopriamo i segreti apuani: torrioni,torbiere, alpeggi, terrazzamenti e paesi abbandonati fino alla Foce di Mosceta, dove riposeremo al cospetto della mole rocciosa della «Regina delle Apuane», la Pania della Croce.

Ma 31: Mosceta 1180m - Foce delle Porchette 982m - A. Matanna 1040m
Tempo: 6h Disl. 600m in salita 450m in discesa

"Che sono quei monti?" chiesi molto incuriosito, quasi impaurito. "Sono le Alpi Apuane", mi fu spiegato. Ammirai a lungo lo spettacolo inconsueto che mi faceva pensare, non so perché, alla creazione del mondo: terre ancora da plasmare che emergevano da un vuoto sconfinato, color dell'incendio. Così Fosco Maraini, scrittore ed antropologo legato a queste terre tanto da scegliere di andarsi a ritirare ed infine esservi sepolto, descrisse il suo primo impatto con le Apuane. Per noi oggi sarà una autentica traversata montana in questi ambienti calcarei primordiali, che evocano leggende e miti dei Liguri Apuani, e che ci porterà ad ammirare le forme bizzarre delle rocce fino a ricondurci ai più dolci paesaggi dei pascoli delle Apuane meridionali.

Me 1 giugno: A. Matanna 1040m - Casoli 403m - Metato 408m
Tempo: 4h Disl. 200m in salita 800m in discesa

Dall'albergo Matanna, saliamo alla Foce del Pallone, fermandoci ad ammirare il faggio più grande della provincia. La storia del pallone aerostatico affonda le sue radici in un passato quasi leggendario.
Torniamo indietro nel tempo fino al 1910 quando un gruppo di pionieri del turismo progettò l'avveniristico pallone frenato per riuscire a portare le persone "Dal mare alla montagna in meno di un'ora!" come recitava lo slogan dell'epoca. Dalla Foce, attraverso una mulattiera settecentesca ben conservata, la cosiddetta "Via del sale" scendiamo al caratteristico paese di Casoli e da qui arriviamo al borgo di Metato. Cena e pernottamento in B&B.

Gi 2 giugno: Metato 408m - Montecastrese 291m - Camaiore 50m
Tempo: 3h Disl. 50m in salita 400m in discesa

Da Metato scendiamo al castello di Montecastrese, situato all'interno di un oliveto che ne ha permesso la parziale conservazione. Il castello venne distrutto dai lucchesi nel 1225 circa, al termine di un lungo assedio. Dal castello scendiamo a Candalla la bellissima valle degli opifici abbandonati.
L'energia del rio Lombricese venne impiegata in passato per far muovere le ruote di mulini, frantoi, polverifici, pastifici e ferriere. Da qui in breve raggiungiamo la via Francigena, proprio di fronte alla stupenda Badia romanica di Camaiore.

Costo:200 euro a persona (servizio guida) 10% di sconto per coppie o per chi si iscrive entro 30 giorni dalla partenza
Spese previste: 300 euro circa
Cosa portare: zaino, borraccia, scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali e cappello da sole, repellente insetti, sacco lenzuolo o sacco a pelo, ciabatte, asciugamano, kit per il bagno, eventuali medicinali.
Minimo partecipanti: 6
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Sistemazione: B&B, Agriturismi, Rifugi
Pasti: pranzi al sacco, cene nelle strutture che ci ospitano
Ritrovo: Venerdì 27 maggio ore 11.00 stazione di Pietrasanta
Arrivo: Giovedì 2 giugno ore 14.00 circa a Camaiore, piazza della Badia
In collaborazione con: Gae Andrea Benvenuti, Cinzia Bertuccelli.

Domenica
29
La fresca valle dei Mulini
colline di Camaiore

Si parte dalla visita all'antica ferriera Barsi,in località Candalla, tuttora in attività (nei giorni lavorativi). Da lì risaliremo le fresche e ombrose sponde del Rio Lombricese alla riscoperta degli antichi opifici (sec XVII - XIX) per comprendere quanto lavoro stava alla base del vivere quotidiano dei nostri antenati anche quando, attraverso continui, ingegnosi progressi, alla fatica dell'uomo si affiancò la forza dell'acqua. Al ritorno, visita di un vicino agriturismo, per degustare i genuini prodotti.
Prezzo: 12 euro a persona
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello: 100m circa
Tempo di cammino: 1.30h
Tempo complessivo: 3h
Cosa portare: scarpe da trekking, zainetto, borraccia, giacca a vento
Costo della degustazione: 5 euro
Spostamento: mezzi propri
Punto di ritrovo: ore 8.45 Badia di Camaiore
Rientro: ore 15.00 circa
GIUGNO 2016

Sabato
4
PASSI E PERCORSI
Acquedotto Nottolini

monti pisani

Oggi andiamo alla scoperta delle "Parole d'oro", la meravigliosa valle scavata dall'architetto ducale Lorenzo Nottolini per portare l'acqua alla città di Lucca. Percorriamo il sentiero alla base delle possenti arcate neoclassiche e, dopo aver ammirato il tempio cisterna in stile dorico, raggiungiamo la valle dove la maestra Annalisa terrà il corso di danze popolari: "Le vie dell'acqua"
L'acquedotto Nottolini ci fa riflettere sull'importanza dell'acqua per la vita umana e sui tanti mezzi ideati per il suo approvvigionamento. Il tema dell'acqua è presente in molteplici danze e canti di tutto il mondo, con danze create per celebrare la scoperta dell'acqua nel deserto o per invocare le nubi portatrici di pioggia.



Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.50
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 3h
Cosa portare: scarpe con suola scolpita, zainetto, borraccia, giacca a vento, occhiali da sole, repellente insetti. Consigliata macchina fotografica
Costo del corso di danza: 10 euro
Punto di ritrovo: ore 16.30 via Nuova 19, Guamo, Capannori
Rientro: ore 19.30 circa

Domenica
5
Passeggiata dell'olivo millenario colline di Massarosa

Attraverseremo piccole borgate delle colline di Massarosa, come Coli e Spezi e paesi caratteristici come Luciano, con le sue antiche fattorie lucchesi, e Pieve a Elici, famosa per la Chiesa Romanica di San Pantaleone. Percorreremo in parte il tracciato dell'antica via romana Aemilia Scauri.
Visiteremo l'ulivo millenario, una pianta con circa 800 anni di vita e degusteremo i prodotti tipici nella caratteristica fattoria di Campo Romano.
Prezzo: 12 euro a persona (esclusa degustazione)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita: 300m
Dislivello in discesa: 300m
Tempo di cammino: 3,5h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarponcelli da montagna (consigliati) oppure scarpe a tennis, zainetto, borraccia, giacca a vento
Costo della degustazione: 12 euro.
Punto di ritrovo: ore 8.45 parcheggio del Conad di Massarosa via Sarzanese Valdera 55054 Massarosa.
Rientro: ore 15.00 circa

da Lunedì 6
a Domenica 12
Traversata delle Apuane Alpi Apuane

La traversata delle Alpi Apuane è un viaggio affascinante che permette di godere appieno della bellezza di un territorio unico nel suo genere. Questa suggestiva catena di monti, famosa per il marmo pregiato, la storia plurimillenaria e i panorami inconfondibili, corre parallela al Mar Tirreno nella parte settentrionale della Toscana. Percorreremo antiche mulattiere, storiche vie di Lizza e ardite strade settecentesche, immersi in una natura generosa, visiteremo caratteristici paesi e alpeggi abbandonati ricordo di una civiltà sapiente e laboriosa.
Un viaggio emozionante, dai forti sapori antichi, che erano i sapori migliori.
Tre guide che si alterneranno su questo cammino, per accompagnare, raccontare, condividere le ricchezze umane, artistiche e naturali di una terra a volte generosa, a volte avara, ma da un carattere unico.

Lu 6: Camaiore 40m - Casoli 403m - San Rocchino 801m - Alpe della Grotta 865m 
Tempo: 3.30h Disl. 850m in salita 50m in discesa

Dalla bella conca di Camaiore ci dirigiamo nel solco del canale Lombricese fino alla località di Candalla, nascosta nel fondovalle tra balze, rupi calcaree e acque spumeggianti. Una mulattiera risale il versante sud-est della montagna, fino a raggiungere il paesello di Casoli. Oltrepassato il borgo raggiungiamo la chiesetta della foce di San Rocchino, tra casolari sparsi e ampi terrazzamenti ancora in parte coltivati.
Si scavalca il crinale e, costeggiando le balze rocciose del monte Matanna tra saliscendi nel fitto bosco, si arriva al rifugio Forte dei Marmi in località Alpe Della Grotta, di fronte alle pareti calcaree del monte Procinto e del monte Nona. Notte in Rifugio.

Ma 7: Alpe della Grotta 865m – Pruno 480m – Mosceta 1180m
Tempo: 6h Disl. 800m in salita 500m in discesa

Partendo dal rifugio aggiriamo il torrione cilindrico del procinto e dei bimbi e raggiungiamo tra boschi di castagno e di carpino la fonte di Moscoso. Da qui scendiamo al paese di Cardoso, teatro della terribile alluvione del 1996 e, passando vicino al Mulino del Castagno ancora in attività, saliamo al caratteristico paesello di Pruno. Dal paese imbocchiamo la mulattiera che si inerpica fra splendidi boschi di castagno e che ci conduce fino all'antico alpeggio di Le Caselle da cui si gode una favolosa vista sul paesaggio circostante. Il sentiero si snoda ora fra ampi prati e ci conduce, attraverso il Passo dell'Alpino, fino al valico della Foce di Mosceta e al vicino rifugio Del Freo. Notte in Rifugio.

Me 8: Mosceta 1180m - Pania della Croce 1859m - Rifugio Rossi 1600m
Tempo: 4h Disl. 700m in salita 275m in discesa

La tappa prevede l’ascensione alla Pania della Croce, la montagna più famosa delle Apuane, da dove si gode un panorama superbo su gran parte della Toscana. Il sentiero risale tutto il versante ovest della montagna e raggiunge il crinale nei pressi della spalla settentrionale, da dove, per cresta rocciosa e aerea, si raggiunge facilmente la panoramica cima. Tornando indietro fino alla spalla, si scende nel versante est chiamato Vallone dell’Inferno, si oltrepassa la buca della neve e si raggiunge in breve il rifugio Rossi, adagiato sui prati settentrionali dell’Uomo Morto, proprio al centro del massiccio tra la Pania Secca, il Pizzo delle Saette e la Pania della Croce. Notte in Rifugio.

Gi 9: Rifugio Rossi 1600m - Puntato 1000m - Rifugio Puliti 1013m
Tempo: 6h Disl. 550m in salita 1150m in discesa

Dal rifugio Rossi scendiamo nel vallone glaciale di Borra di Canala, intagliato tra l’altopiano carsico della Pianizza e della Vetricia. Raggiunto il fondo del vallone entriamo nella faggeta, svoltiamo a sinistra sul sentiero n. 127, poi a destra sul n. 9 e raggiungiamo il fiabesco paesello abbandonato di Col di Favilla, immerso nelle selve di castagni e dominato dal Pizzo delle Saette. In breve raggiungiamo il suggestivo alpeggio di Puntato, adagiato tra i prati e i boschi del versante nord del Mt. Corchia. Attraversato il valico di Fociomboli, con vista spettacolare sulla marina e i torrioni del Corchia, scendiamo al Passo Croce e al Colle Cipollaio. Oltrepassati i casolari di Betigna infine arriviamo al paese di Arni e al vicino rifugio Puliti. Notte in rifugio.

Ve 10: Rifugio Puliti 1013m - Arnetola 967m - Rifugio Nello Conti 1442m
Tempo: 6h Disl. 1150m in salita 710m in discesa

Risaliamo faticosamente la marmifera diretta alle cave di Piastreto, sino a guadagnare le ampie distese di prati di Passo Sella, tra la valle di Arni e di Arnetola, in vista della Tambura. L'ambiente è suggestivo ed evidenzia il contrasto tra il dirupato versante Versiliese, sconvolto dalle cave e l'ameno e rilassante verde della Garfagnana. Raggiunta la conca di Arnetola, ci immettiamo sull'antico tracciato della settecentesca Via Vandelli e risaliamo sino a Passo Tambura. Dal valico scendiamo nel versante Massese delle Alpi Apuane al rifugio Nello Conti ai Campaniletti. Notte in rifugio.

Sa 11: Rifugio Nello Conti 1442m - Monte Tambura 1895m - Rif. Orto di Donna 1500m
Tempo: 5.30h Disl. 550m in salita 500m in discesa

Dal rifugio Nello Conti si raggiunge la spettacolare vetta del Monte Tambura, il punto più alto del nostro viaggio, dove la vista spazia su tutta la catena delle Alpi Apuane e il vicino Appennino. Scendendo lungo la cresta nord raggiungiamo l’evidente Passo della Focolaccia, su cui è intagliata una grossa cava. Ci accompagnano le gobbe del monte Cavallo e la piramidale sagoma del monte Pisanino, la più alta cima delle Apuane. Raggiunta la foce di Cardeto scendiamo lievemente nella testata della Val Serenaia, costeggiando i versanti nord del monte Cavallo e Contrario, raggiungiamo nella faggeta il rifugio Orto di Donna, in vista del monte Grondilice e del Pizzo d’Uccello. Notte in Rifugio.

Do 12: Rifugio Orto di Donna 1500m – Vinca 808m Equi Terme 250m
Tempo: 5.30h Disl. 50m in salita 1300m in discesa

Tappa conclusiva del nostro viaggio, varia e interessante per l’alto valore paesaggistico. La valle di Vinca si presenta integra per l’assenza di bacini estrattivi, boscosa in basso, alpestre nelle cime che gli fanno da corona : il Sagro, la Cresta Garnerone, il Pizzo d’Uccello. Raggiunto il villaggio di Vinca, si scende a Equi Terme per un’antica mulattiera che nel primo tratto è scavata a ridosso della parete rocciosa., incontrando numerose Cappelle Votive, segno tangibile della religiosità popolare di un tempo e le poche case del paesello di Aiola.

Costo:200 euro a persona (servizio guida)
Spese previste: 250 euro circa
Cosa portare: zaino, sacco lenzuolo, scarponi da trekking, torcia, mantella per la pioggia, borraccia, calze resistenti, giacca a vento, occhiali da sole, bastoncini (facoltativi), creme solari, maglione di pile, ricambi, ciabatte per rifugio.
Minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Sistemazione: Rifugi
Pasti: pranzi al sacco, cene in rifugio.
Ritrovo: lunedì 6 ore 12.00 stazione di Viareggio
Arrivo: Domenica 12 ore 15.00 circa stazione di Equi Terme

Domenica
12
Le alpi Apuane tra borghi antichi e mestieri di una volta
Alpi Apuane

Con il suggestivo Monte Forato sullo sfondo, partiremo dal paese di Cardoso, sapientemente restaurato dopo l'alluvione del 1996, ed in breve raggiungeremo Pruno, pittoresco borgo medievale.Il Monte Forato ci invita a parlare delle leggende delle Apuane, popolate da streghe, fate, folletti e giganti.
Da Pruno, in breve, arriveremo al vecchio Mulino. La visita di questo opificio ci permetterà di rievocare mestieri antichi e il castagno che per secoli ha nutrito gli abitanti delle montagne. Dal Mulino torneremo a Cardoso attraverso un percorso ad anello.
Visiteremo quindi un salumificio artigianale,custode della tradizione norcina Apuana: salami,salsicce,lardo e il tipico biroldo, saranno i portabandiera dei sapori della Versilia, seguiti da vini,formaggi,olio e pane, per una robusta merenda al fresco, dopo (o invece di )una bella camminata. Questo facile itinerario è alla portata di tutti e richiede solo un minimo di allenamento.
Prezzo: 12 euro a persona
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello: 240m
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 4h
Cosa portare: scarpe da trekking, zainetto, borraccia giacca a vento
Costo della degustazione: 10 euro
Spostamento: mezzi propri
Punto di ritrovo: ore 8.45 Palazzo Mediceo Seravezza
Rientro: ore 15.00 circa

Sabato
18
PASSI E PERCORSI
Seimiglia

Camaiore

Il nostro ultimo appuntamento di quest'anno si svolgerà nel suggestivo territorio delle Seimiglia. Volgeremo i nostri passi fra i piccoli borghi di Orbicciano, Misigliano e Santa Maria di Albiano, ammirando le bellissime chiese romaniche, in compagnia della poesia di Dante che ci parlerà di questi luoghi incantati. Al termine del giro la maestra Annalisa terrà il consueto corso di danze popolari: "Echi di passi lontani"
Le pievi romaniche richiamano lontane epoche medievali e la religiosità dei pellegrini che percorrevano le strade d'Europa. Importanti manoscritti ci hanno tramandato notizie di canti e danze sul sagrato con cui questi si intrattenevano in attesa di entrare nei santuari. La riproposta di queste melodie è ancora oggi suggestiva.

Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.100
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 3h
Cosa portare: scarpe con suola scolpita, zainetto, borraccia, giacca a vento, occhiali da sole, repellente insetti. Consigliata macchina fotografica
Costo del corso di danza: 10 euro
Punto di ritrovo: ore 16.30 via Provinciale di Camaiore, bivio per Orbicciano
Rientro: ore 19.30 circa

Domenica
19
I prati del monte Piglione Alpi Apuane

Nelle apuane meridionali c'è una montagna magica e affascinante: il Piglione.
Per raggiungere la vetta attraverseremo un territorio ricco di tradizioni e di panorami mozzafiato. Dal paese di Ritrogoli infatti raggiungeremo l'alpeggio di campo all'orzo, testimone di un passato dai forti sapori antichi e spettacolare balcone sul mare. Dalla piccola chiesetta abbandonata di San Rocco, risaliremo lentamente gli stupendi prati fioriti del monte Piglione per arrivare infine alla vetta, punto più alto del comune di Pescaglia. Dopo esserci rifocillati, scenderemo al piccolo abitato di Rianchiani e completeremo l'anello.
Prezzo: 12 euro a persona (servizio guida)
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Dislivello: 440m
Tempo di cammino: 5h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarpe da trekking, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Punto di ritrovo: ore 8.30 parcheggio Hotel Gina, via per Camaiore 33, 55064 Monsagrati di Pescaglia, Lu
Rientro: ore 16.00 circa

dal 20 al
25 giugno
CAMPO ESTIVO 13-17 anni
Tavolara: il Signore delle isole

Sardegna

Campo estivo itinerante. Dalla Maddalena a Caprera fino ad arrivare al Regno più piccolo del mondo: Tavolara

C'era una volta un re che abitava in un'isola misteriosa, circondata da acque smeraldine e popolata da animali strani e incantati. C'era una principessa, bruna e bellissima, che sposò il bel capitano...il bimbo che nacque crebbe su quell'isola, a contatto di una natura stupenda, giocò con le foche monache e i leoni marini, rincorse le capre dai denti d'oro, gli asinelli bianchi fin sopra le vette... esplorò i fondali del mare fin dentro le tane di piovre, cernie giganti, astici e aragoste...

Sembra una favola ma è tutto vero. Questo è solo l'inizio di una straordinaria avventura nata su quest'isola meravigliosa tanto tempo fa. Lasciate che la vostra Guida (e Principe di Tavolara!) vi accompagni alla scoperta di un sogno perduto... di un paradiso dimenticato... alla scoperta di Tavolara!

Costo: 150 euro a persona (servizio guida)
Spese previste: 400 euro circa (mangiare, dormire in B&B, spostamenti in autobus, traghetti ed entrata ai musei)
Guide del viaggio: Bartolomeo e Luana
Per informazioni: 329 3168235 / 333 7257432
pbart74@gmail.com kaluagl@yahoo.it

Domenica
26
Fatica e incanto…sulle orme di Michelangelo Seravezza

Questa escursione si svolge nella parte terminale della valle del Serra , dove sorge il paese di Rio Magno.
Il sentiero corre all'interno di un castagneto da frutto e ci conduce sino all'antico abitato di Fabbiano, una località di media montagna e quindi a La Cappella, borgo caratteristico un tempo abitato da cavatori, oggi da artisti provenienti da tutto il mondo, appassionati studiosi sulle tracce di Michelangelo. Sulla facciata della chiesetta de La Cappella c'è un rosone marmoreo, noto come „l'occhio di Michelangelo“, poiché tradizione vuole che l'abbia scolpita il maestro in persona. Toccando l’abitato di Azzano discendiamo verso il cristallino fiume Serra, dove tra vasche naturali e ciottoli in marmo avremo la possibilità di rinfrescarci.
Sullo sfondo ammiriamo le imponenti cave di marmo.

Prezzo: 12 euro a persona
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile e gradevole
Dislivello: 400 m
Tempo di cammino: 4 h
Tempo complessivo: 6 h
Cosa portare: scarponcelli da montagna (consigliati) oppure scarpe a tennis, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Spostamento: mezzi propri
Punto di ritrovo: ore 8.45 Palazzo Mediceo Seravezza
Rientro: ore 16.00 circa

dal 26 al
28 giugno
CAMPO ESTIVO 6-10 anni
L'arte in natura

Careggine (LU)

Un soggiorno progettato proprio per i più piccini.
Tre giorni a Careggine, in un borgo dove l'ospitalità degli abitanti e la bellezza della natura faranno da cornice a giornate all'insegna delle passeggiate e del gioco, legato all'arte, realizzato con l'impiego di materiali naturali.

Guide ambientali:
Cinzia Bertuccelli
Per informazioni:
Cinzia 347 7633746
cinbertu@gmail.com
LUGLIO 2016

Domenica
3
Sulle orme di San Viano Vagli

Sulle tracce della leggendaria figura di Viano, Santo ritiratosi nelle inaccessibili spelonche delle Apuane. Le antiche chiese di Vagli, l’alpeggio di Campocatino situato in una conca glaciale ai piedi del monte Roccandagia e l’eremo solitario, sovrastato dalla verticalità delle cime, fanno da cornice ad un viaggio denso di sacralità. Da Vagli di sotto raggiungiamo Vagli di sopra, punto di partenza dell’escursione.
 

Prezzo: 12 euro a persona (escluso pranzo)
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa: m.100
Tempo di cammino: 2h
Tempo complessivo: 6h
Cosa portare: scarponcelli da montagna (consigliati) oppure scarpe a tennis, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco oppure al ristorante di Campocatino
Punto di ritrovo: ore 8.40 stazione ferroviaria di Castelnuovo Garfagnana, via della stazione 1 55032 Castelnuovo Lucca
Rientro: ore 17.00 circa

dal 3 al
9 luglio
CAMPO ESTIVO 10-15 anni
Nel parco di San Rossore con gli asini

San Rossore (PI)

Una carovana itinerante di asini, guide e ragazzi si muoverà tra i sentieri del Parco di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli per raggiungere la Macchia lucchese, attraverserà la città di Pisa ed i borghi ricchi di storia e cultura come Massaciuccoli e Torre del Lago e, navigando sul lago, raggiungerà la spiaggia dorata per giocare con le onde er il surf

Guide ambientali: Cinzia Bertuccelli
Per informazioni:
Cinzia 347 7633746
cinbertu@gmail.com

dal 24 al
30 luglio
CAMPO ESTIVO 12-16 anni
In bocca al lupo!

Casentino

Una settimana nel Parco Nazionale del Casentino, fra grandi foreste piene di vita e borghi ricchi di storie e leggende.
Ci muoveremo con il passo umile e silenzioso del pellegrino, cercando le tracce di questo affascinante animale, immersi in un territorio incantato.

Per informazioni: 329 3168235
pbart74@gmail.com
AGOSTO 2016

dal 1 al
6 agosto
CAMPO ESTIVO 8-12 anni
Torrentismo e avventure

Fornovolasco

In cammino sugli antichi sentieri dell'acqua

Guide ambientali: Cinzia Bertuccelli
Per informazioni:
Cinzia 347 7633746
cinbertu@gmail.com

dal 8 al
13 agosto
CAMPO ESTIVO 8-12 anni
Centauri, fate e tesori nascosti

Alpe di Puntato

Una settimana sulle Apuane, tra boschi secolari e soleggiati alpeggi.
Vivremo avventure e ascolteremo leggende e racconti di questi luoghi.
Ci trasformeremo in attori grazie a maestri di teatro per creare uno spettacolo sotto la splendida cornice della Pania.

Guide ambientali:
Bartolomeo Puccetti
Per informazioni:
329 3168235
pbart74@gmail.com

da Giovedì 18
a Domenica 21
La valle incantata di Mosceta Alpi Apuane

Nel cuore delle Alpi Apuane, alle pendici della Pania della Croce, si trova la valle di Mosceta, un luogo incantato ricco di pace. Il nostro soggiorno farà base proprio in quella valle, nel suggestivo rifugio Del Freo.
Tutti i giorni partiremo alla scoperta di storie diverse ma sempre suggestive: da Dante alla Linea Gotica, dagli antichi alpeggi alla casetta del geotritone, dalle cave di marmo al Baffardello, il tutto condito dagli squisiti manicaretti di Francesca.
Il soggiorno prevede una notte in cima alla Pania per ammirare lo spettacolo del sorgere del sole dalla vetta della regina delle Apuane.

18: Passo Croce 1160m - Rifugio Del Freo 1180m
Tempo 2.30h Disl. 250M in salita e in discesa.
Da Passo Croce percorriamo il sentiero Cai 129 attraverso antiche e suggestive faggete.
Vecchi casolari abbandonati e carbonaie sono le testimonianze dell'economia di un tempo. Arrivati al rifugio Del Freo ci sistemiamo per la notte. Dopo cena, tutti fuori a vedere le stelle cadenti. Serata speciale dedicata alle stelle e alle poesie di Giovanni Pascoli.

19: Rifugio Del Freo 1180m - Puntato 987m - Col di Favilla 955m - Rifugio Del Freo 1180m
Tempo 6h Disl. 300M in salita e in discesa.
Dopo un'abbondante colazione partiamo alla scoperta degli alpeggi abbandonati, testimonianza dei un'economia ormai scomparsa. Pranzo al sacco nei caratteristici prati di Puntato.
A Col di Favilla, dopo aver osservato la meridiana più alta di tutta la Toscana, andiamo alla ricerca di un vecchissimo Baffardello che si aggira tuttora tra i ruderi del paese. Cena al rifugio e serata dedicata alle leggende delle Alpi Apuane.

20: Rifugio Del Freo 1180m - Passo dell'Alpino 1080m - Rifugio del Freo 1180m - Pania della Croce 1859m
Tempo 6h + 2 facoltative Disl. 150M in salita e in discesa + 600m in salita facoltativi.
Giornata dedicata alla Linea Gotica. Dal rifugio andiamo alla scoperta dei bunker ancora presenti in zona dove vive da qualche anno una sottospecie endemica locale: il geotritone. Pranzo al sacco.
La sera, dopo cena, ci inerpichiamo sulla Pania della Croce, citata da Dante nell'Inferno, per ammirare lo spettacolo mozzafiato dell'alba in vetta.

21: Pania della Croce 1859m - Rifugio Del Freo 1180m - passo Croce 1160m
Tempo 5h Disl. 250M in salita 850m in discesa.
Scendiamo dalla Pania e torniamo al rifugio per la nostra colazione.
Dopo aver preparato i bagagli ci incamminiamo verso Passo Croce, destinazione finale del nostro soggiorno.
Rientro previsto per le 12 circa.

Costo: 110 euro a persona (guida e assicurazione)
Spese previste: 120 euro circa
Numero minimo di partecipanti: 5
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Cosa portare: zaino, borraccia, scarponi da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, sacco a pelo, torcia, occhiali da sole, repellente insetti.
Sistemazione: rifugio
Pasti: pranzi al sacco, cene nella struttura che ci ospita
Ritrovo: Gi 18 ore 14,00 palazzo mediceo Seravezza
Arrivo: Do 21 ore 13,00 circa a Seravezza
SETTEMBRE 2016

Domenica
11
Un sorso di Toscana classica colline lucchesi

Se volete scoprire un angolo di Toscana classica in provincia di Lucca allora questa è l'escursione che fa per voi. Il facile e piacevole giro ad anello si sviluppa sui dolci pendii delle colline lucchesi, fra vigneti e oliveti sapientemente curati, lungo i suggestivi borghi di Arsina, La Cappella e San Concordio di Moriano, adorni di chiese e campanili. Durante il percorso parleremo della coltivazione dell'olivo e della vite e delle tradizioni alimentari della lucchesia.
Prezzo: 12 euro a persona (escluso pranzo)
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita e discesa : 150m
Tempo di cammino: 2.30 h
Tempo complessivo: 4 h
Cosa portare: scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Punto di ritrovo: ore 9.00 incrocio fra la via provinciale per Camaiore e la via comunale per La Cappella
Rientro: ore 15.00 circa

da Martedì 13
a Domenica 18
Tavolara: il signore delle isole isola di Tavolara

C'era una volta un re che abitava in un'isola misteriosa, circondata da acque smeraldine e popolata da animali strani e incantati. C'era una principessa, bruna e bellissima, che sposò il bel capitano...il bimbo che nacque crebbe su quell'isola, a contatto di una natura stupenda, giocò con le foche monache e i leoni marini, rincorse le capre dai denti d'oro, gli asinelli bianchi fin sopra le vette...esplorò i fondali del mare fin dentro le tane di piovre, cernie giganti, astici e aragoste... Sembra una favola ma è tutto vero. Questo è solo l'inizio di una straordinaria avventura nata su quest'isola meravigliosa tanto tempo fa. Lasciate che la vostra Guida (e Principe di Tavolara!) vi accompagni alla scoperta di un sogno perduto...di un paradiso dimenticato...alla scoperta di Tavolara!

13: Palau - Isola della Maddalena
Tempo: 3h
L'incontro con il gruppo avverrà al porto di Palau. Da Palau, in traghetto, in circa 20 minuti raggiungiamo l'isola della Maddalena. Il nostro B&B si trova proprio nel centro storico. Sistemati i bagagli, partiamo per una breve passeggiata sulla spiaggia. Dopo il primo bagno del viaggio, cena in un ristorantino tipico di fronte al mare. Durante la cena parleremo della nostra avventura nel più piccolo regno del mondo!

14: Isola della Maddalena - Caprera - Isola della Maddalena
Tempo: 8h Disl: 100m in salita 100m in discesa.
Dal B&B ci incamminiamo verso l'isola di Caprera. Dopo aver attraversato il ponte raggiungiamo Cala Serena, posto incantevole e perfetto per il nostro bagno. Dopo pranzo saliamo al museo di Garibaldi. Visita alla casa e alla tomba dell'Eroe. Nel pomeriggio breve escursione in località panoramica. Rientro alla Maddalena, cena e pernottamento.

15: Isola della Maddalena - Palau - Olbia - Porto San Paolo
Tempo: 8h
Dopo colazione prendiamo il traghetto per Palau e, da qui, via bus raggiungiamo Olbia e quindi Porto San Paolo. Il nostro B&B si trova proprio di fronte a Tavolara! Sistemiamo i nostri bagagli, ci prepariamo per la cena e...chi ha mai visto una pizza con il manico?

16: Porto San Paolo - Tavolara - Porto San Paolo
Tempo: 8h Disl: 500m in salita 500m in discesa.
Da Porto San Paolo, in traghetto, in circa 20 minuti raggiungiamo l'isola di Tavolara. Eccoci arrivati finalmente sull'isola dei re! La montagna si erge maestosa davanti a noi. É un blocco di calcare che poggia su di un basamento granitico. Il primo giorno è dedicato alla montagna, il pranzo è al sacco. Mentre saliamo, un panorama mozzafiato si apre davanti ai nostri occhi. Ecco l'isola di Molara e Molarotto, Punta Cannone e Punta Castellaccio, andiamo alla ricerca delle capre dai denti d'oro...

17: Porto San Paolo - Tavolara - Porto San Paolo
Tempo: 8h
Di nuovo a Tavolara, stavolta per esplorare la spiaggia e il mare! La prima tappa è al cimitero di famiglia dove sono sepolti i re e i principi dell'isola...proseguiamo sulla striscia di sabbia, alla scoperta degli animali che abitano qui... il marangone dal ciuffo, l'occhiocotto, il gongilo, la lucertola blu, la lucertola tirrenica...e delle piante: la violaciocca selvatica, il vilucchio marittimo, il giglio marino...non fare il bagno in queste acque da sogno sarebbe un delitto! A pranzo dal Re di Tavolara!

18: Porto San Paolo - Olbia
Tempo: 6h
Il viaggio sta per terminare...e la nostra favola anche. C'è tempo ancora per un bagno alla baia corallina e poi...torniamo a casa con la nostra isola nel cuore. Viva Tavolara!

 

Costo: 200 euro a persona (guida e assicurazione)
Spese previste: 400 euro circa (escluso viaggio di andata da casa a Palau e di ritorno da Olbia a casa)
Minimo partecipanti: 5
Cosa portare: zaino, borraccia, scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali e cappello da sole, repellente insetti, crema protettiva, ciabatte, costume, telo da bagno.
Difficoltà: escursione facile
Sistemazione: B&B
Pasti: pranzi al sacco e ai ristoranti di Tavolara, cene al ristorante
Ritrovo: Ma 13 ore 16.00 porto di Palau
Arrivo: Do 18 nel pomeriggio a Olbia

da Mercoledì 21
a
Domenica 25
Sulla strada del vino e dell'olio Colline lucchesi

C'è un territorio magico, nascosto fra la valle del Serchio e il mare della Versilia: sono le Colline Lucchesi. Questo viaggio ci porterà alla scoperta di paesaggi bucolici, fra vigneti e oliveti, chiese romaniche, castelli, leggende e panorami mozzafiato.
Lasciatevi condurre in questo angolo di Toscana classica, fra cipressi e antichi casolari, olivi millenari e frantoi tradizionali, ospiti di aziende vinicole pregiate e ville del settecento. Tra una degustazione e l'altra, a poco a poco verrete catturati dal fascino delle dolci e accoglienti colline lucchesi: questa, signori miei, è la strada del vino e dell'olio.  

21: Lucca - San Michele di Moriano
Tempo: 3.30 h
Il punto di ritrovo è alla stazione di Lucca. Attraversate le mura, percorriamo tutta la città lungo la storica via Fillungo e raggiungiamo il fiume Serchio. Seguiamo l'argine del fiume e, in poco tempo, ci ritroviamo in mezzo alla campagna. Superato un frutteto, arriviamo al nostro suggestivo agriturismo Le Fornaci in località San Michele di Moriano. A cena ci aspetta l'Osteria storica di Pio con i piatti tipici della tradizione lucchese.

22: San Michele di Moriano - Arsina - La Cappella
Tempo: 4 h. Disl. 250m in salita 200m in discesa
Questa è la tappa più classica dell'intero viaggio. Attraversiamo le colline, fra viali di cipressi, vigneti, oliveti, piccoli borghi e campanili. Verso l'ora di pranzo visitiamo la caratteristica azienda vinicola Valle del Sole. Nel pomeriggio raggiungiamo l'agriturismo Le Murelle, un'antica fattoria lucchese del settecento sapientemente restaurata che si estende fra vigneti e oliveti. Ci troviamo nella magica cornice di Terre del Sillabo. Dopo aver osservato da vicino la cura e l'amore per questa magnifica terra, delizieremo il palato con una doverosa degustazione!

23: La Cappella - Pieve Santo Stefano - Gello di sopra
Tempo: 4 h. Disl. 250m in salita 150m in discesa
Attraversiamo il torrente spostandoci sul versante opposto della valle. In breve raggiungiamo Pieve Santo Stefano, uno stupendo balcone panoramico sulla piana lucchese. Dalla chiesa imbocchiamo il sentiero che, sempre attraverso vigneti e oliveti, passa vicino alla storica Tenuta di Forci. Arrivati alla sterrata scendiamo di nuovo fino al fondovalle e risaliamo fino al nostro agriturismo: l'azienda biologica Nicobio. Elena ci accoglie per mostrarci i prodotti della fattoria dalla terra...alla tavola!

24: Gello di sopra - Migliano - Gualdo - Pieve a Elici - Campo Romano
Tempo: 6 h. Disl. 500 in salita 400 in discesa
Questa è la tappa più lunga del nostro viaggio. Dal nostro agriturismo saliamo alla chiesa di San Giorgio a Orbicciano e da qui, passando per la meravigliosa chiesa preromanica di San Lorenzo, arriviamo al borgo di Migliano. Dopo aver ammirato la chiesa arroccata sul colle e il bellissimo leccio antistante, scendiamo a Valpromaro, piccolo paese del fondovalle, per incrociare la Via Francigena. Di nuovo nel bosco, proseguiamo per l'abitato di Gualdo da cui, attraverso una carrareccia molto panoramica, raggiungiamo il paese di Montigiano. Scendiamo fino al torrente sottostante e risaliamo alla stupenda chiesa romanica di Pieve a Elici che domina tutta la pianura fino al mare. Infine, un brevissimo sentiero immerso negli oliveti, ci conduce, attraversando l'antica via Aemilia Scauri alla Fattoria di Campo Romano. Visitiamo l'azienda e l'antico frantoio del '700 che usa ancora la tecnica della spremitura a freddo. Prima di cena è doveroso un saluto all'olivo millenario.

25: Campo Romano - Massarosa - Bozzano
Tempo: 2.30 h. Disl. 100m in salita 200m in discesa
Dalla fattoria di Campo Romano scendiamo a Piano del Quercione lungo la via Aemilia Scauri. Attraverso piacevoli sentieri di campagna raggiungiamo Massarosa. Dalla piazza del municipio saliamo il colle che separa la città dalla frazione di Bozzano. Arrivati a Bozzano, in breve raggiungiamo la stazione.

 

Costo: 140 euro a persona (servizio guida)
Spese previste: 290 euro circa
Minimo partecipanti: 5
Cosa portare: zaino, borraccia, scarponi da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali da sole, repellente insetti
Difficoltà: escursione facile
Sistemazione: agriturismi
Pasti: pranzi al sacco, cene nelle strutture che ci ospitano
Ritrovo: mercoledì 21 ore 13.30 stazione di Lucca
Arrivo: domenica 25 ore 12 stazione di Massarosa
OTTOBRE 2016

Domenica
9
Sant’Anna: per non dimenticare Alpi Apuane

La resistenza in Versilia fu determinante per la caduta della Linea Gotica, l’estrema linea difensiva nazista voluta fortemente da Hitler.
Questo viaggio ad anello parte dal paese di Farnocchia e ci conduce fino a Sant’Anna, teatro del terribile eccidio perpetrato dalle famigerate SS. Visiteremo l’Ossario ed il museo della Resistenza per non dimenticare coloro che si sono sacrificati per darci la libertà.
Prezzo: 12 euro a persona
Numero minimo partecipanti: 5
Difficoltà: escursione facile
Dislivello in salita: 400m
Tempo di cammino: 3h
Tempo complessivo: 5h
Cosa portare: scarponcelli da montagna (consigliati) oppure scarpe a tennis, zainetto, borraccia, giacca a vento
Pranzo: al sacco
Spostamento: mezzi propri
La quota non comprende: pranzo, spostamento
Punto di ritrovo: ore 9.00 Palazzo Mediceo Seravezza.
Rientro: ore 16.00 circa

da Giovedì 13
a Domenica 16
Casentino: terra di eremiti e pellegrini Casentino

Eccoci finalmente nel Casentino, sulle tracce di San Romualdo, in questo tempo d'autunno mai così riflessivo e spirituale. Il Parco Nazionale ci accoglie con i suoi colori caldi e affettuosi e ci sorprende con le sue grandi foreste piene di vita. Con il passo umile del pellegrino seguiamo il sentiero fino all'Eremo di Camaldoli per osservare da vicino la semplice vita monastica e, arrivati al paese, chiediamo ospitalità per la notte.
Camminiamo lentamente, cercando le tracce del lupo e assaporando un territorio incantato, denso di tradizioni e ricco di sacralità. Giunti alla fine del viaggio torniamo a casa con una certezza: il Casentino rimane nel cuore.  

13:  Badia Prataglia 840m
Il ritrovo è a Badia Prataglia nel tardo pomeriggio, di fronte al Centro Visite del Parco. A cena, davanti a un bel piatto di prodotti tipici, parliamo del viaggio che ci aspetta.

14: Badia Prataglia 840m - Passo Tre Confini 1395m - Camaldoli 813m
Tempo: 5h Disl. 550m in salita 573m in discesa.
Dopo aver lasciato il paese ci ritroviamo subito in un castagneto da frutto, testimone dell'economia di un tempo. Saliamo sul crinale appenninico che divide la Toscana dalla Romagna e, dopo aver ammirato il panorama, proseguiamo attraverso antiche e maestose abetaie, frutto della saggezza del Granduca e faggete secolari. Arrivati all'Eremo, entriamo con profondo rispetto nella piccola cella che ospitò San Romualdo. Giungiamo infine al paese di Camaldoli dove possiamo visitare l'antica farmacia dei monaci e il monastero.

15: Camaldoli 813m - Rif. Cotozzo 1114m - Serravalle 769m
Tempo: 4h Disl. 300m in salita 345m in discesa
La mattina è dedicata ad un piccolo itinerario intorno al paese che comprende la visita al famoso Tornati in paese imbocchiamo il sentiero in salita che conduce al rifugio Cotozzo. Dopo una breve sosta scendiamo verso Serravalle attraversando uno dei tantissimi ruscelletti di cui è ricco il Casentino, citati da Dante nella sua opera immortale. Visitiamo la torre medievale che troneggia in Castagno Miraglia, un albero plurisecolare con oltre 400 anni di età. mezzo all'abitato e ci sistemiamo per la notte.

16: Serravalle 769m - Tramignone 1020 - Badia Prataglia 840m
Tempo: 3h Disl. 300m in salita 230m in discesa
Saliamo all'antico paese di Tramignone, oggi abbandonato, per godere della vista sul parco. Da qui a Badia Prataglia il sentiero diventa panoramico ed è qui dove abbiamo trovato le tracce più visibili del lupo. Dopo aver attraversato il Fosso Acquafredda in breve ritorniamo al punto di inizio completando così il nostro anello.

 

Costo: 120 euro a persona (servizio guida)
Spese previste: 135 euro circa
Minimo partecipanti: 5
Cosa portare: zaino, borraccia, scarponi da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali da sole, repellente insetti
Difficoltà: escursione per persone abituate a camminare
Sistemazione: albergo, foresteria, affittacamere
Pasti: pranzi al sacco, cene nelle strutture che ci ospitano
Ritrovo: Giovedì 13 ore 18.00 a Badia Prataglia di fronte al Centro Visite del Parco
Arrivo: Domenica 16 ore 12.00 circa a Badia Prataglia

da Domenica 30
a Martedì 1 novembre
Uno scrigno di tesori da Viareggio a Lucca

Un viaggio ricco di tesori tutti da scoprire! L'incanto del Liberty di Viareggio, la magia della macchia lucchese, il romanticismo del lago, il nostro adorato Maestro Puccini, la bellezza delle terme romane, il fascino del medioevo...ce n'è veramente per tutti i gusti in questo facile ma emozionante viaggio da Viareggio a Lucca.  

30: Viareggio - Torre del Lago - Massaciuccoli
Tempo: 6h
Dalla Passeggiata in stile Liberty, lungo il molo, attraverso la Macchia Lucchese raggiungiamo Torre del Lago con visita alla casa del Maestro. Una breve gita in barca ci porta a Massaciuccoli sede dell'Oasi Lipu e delle terme romane. Cena al ristorante pernottamento alla foresteria dell'Oasi Lipu.

31: Massaciuccoli - Ripafratta - Nozzano
Tempo: 7h Disl: 100m in salita 100m in discesa.
Da Massaciuccoli prendiamo la pista ciclopedonale che ci porta al paese di Ripafratta. Saliamo sulla collina ed entriamo nell'imponente castello. Il medioevo rivive magicamente intorno a noi con tutti i suoi protagonisti, Castruccio Castracani, Uguccione della Faggiola e naturalmente il nostro meraviglioso e sommo poeta Dante. Scendiamo fino ai campi pozzi del Serchio e proseguiamo per il castello di Nozzano, un gioiello intatto in mezzo alla campagna lucchese. Cena e pernottamento in B&B.

1: Nozzano - Ponte san Pietro - Lucca
Tempo: 4h
Da Nozzano proseguiamo per Lucca attraverso l'argine del Serchio. Arrivati a Ponte San Pietro svoltiamo a destra e raggiungiamo le mura di Lucca. Il fascino della città è immutato, ogni via, ogni stradella nasconde un tesoro da scoprire.

 

Costo: 90 euro a persona (guida e assicurazione)
Spese previste: 120 euro circa
Minimo partecipanti: 5
Cosa portare: zaino, borraccia, scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali e cappello da sole, repellente insetti, sacco a pelo o sacco lenzuolo
Difficoltà: escursione facile
Sistemazione: B&B, Foresteria
Pasti: pranzi al sacco, cene nelle strutture che ci ospitano
Ritrovo: domenica 30 ore 10,00 stazione di Viareggio
Arrivo: martedì 1 nel tardo pomeriggio stazione di Lucca
DICEMBRE 2016

da Venerdì 30
a Lunedì 2 gennaio
Capodanno in Toscana: Assaggie paesaggi della Versilia Versilia

Viaggiare è un'esperienza multisensoriale. Vedere le bellezze dei luoghi, ascoltarne le storie, le leggende le tradizioni, gustarne i sapori, gli odori e camminarne il territorio sono solo gli ingredienti, ma un buon piatto va altre la somma di questi. Noi cerchiamo di farti "sentire" un posto, di darti un ruolo attivo nella tua esperienza. Ecco perché non solo assaporerai le bontà tipiche ma le preparerai con le tue mani insieme a noi e insieme le mangeremo, insieme cammineremo per boschi sui monti del marmo di Michelangelo e sulle mura più belle del mondo, insieme osserveremo il tramonto sul lago e le vestigia dei nostri antenati e racconteremo come vivevano e cosa mangiavano.
Storia, natura, arte e poesia, corsi e discorsi di cucina, buon vino e tutti a tavola e...Buon Anno!

30:  ore 14 arrivo al paese di Massaciuccoli e sistemazione nella Foresteria La Brilla, Centro visite del Parco. Conoscenza del gruppo e presentazione del programma. Andiamo alla scoperta dei tesori di Massaciuccoli, dalle suggestive Terme Romane all'incantevole camminamento sul lago dell'Oasi Lipu.

31:  oggi partiamo per la nostra escursione sulle orme di Michelangelo. Il sentiero corre all'interno di un castagneto da frutto e ci conduce sino all'antico abitato di Fabbiano, una località di media montagna e quindi a La Cappella, borgo caratteristico un tempo abitato da cavatori, oggi da artisti provenienti da tutto il mondo, appassionati studiosi sulle tracce di Michelangelo. Sulla facciata della chiesetta de La Cappella c'è un rosone marmoreo, noto come "l'occhio di Michelangelo", poiché tradizione vuole che l'abbia scolpita il maestro in persona. Toccando l'abitato di Azzano discendiamo infine verso il cristallino fiume Serra.

1:  andiamo in treno a Lucca nel giorno di Capodanno. Durante le feste la città diviene ancora più magica. Questo è il giorno ideale per ammirarne ogni aspetto. Dopo una passeggiata sopra le mura, visita libera del centro cittadino.

2:  dopo colazione partiamo per una piccola escursione a Candalla dove potremo visitare la valle degli opifici abbandonati e un'antica Ferriera ancora in attività. Lungo il percorso visiteremo anche le rovine del castello di Montecastrese, teatro di cruente battaglie per il controllo della Via Francigena.
Dopo la visita saluti e partenza.

Escursioni a cura di Bartolomeo Puccetti, guida AIGAE, corsi di cucina tipica del territorio a cura di Diego Del Frate.
Prezzo: euro 250 intero periodo. La quota comprende la pensione completa con pranzi al sacco. La quota non comprende gli spostamenti, il pranzo del 1° gennaio.
cosa portare: zaino, borraccia, scarpe da trekking, abbigliamento da trekking, giacca a vento, mantella per la pioggia, torcia, occhiali e cappello da sole, repellente insetti
informazioni: tel 3293618235 pbart74@gmail.com
Il programma può subire modifiche dovute alle condizioni atmosferiche